Home > Magazine > I casoncelli bresciani

I casoncelli bresciani



I casoncelli bresciani


Il casoncello potremmo definirlo come un tortello che al suo interno contiene un ripieno. Il nome potrebbe derivare da "Caseus" cioè cacio oppure potrebbe riferirsi a dei calzoni per la forma data alla pasta.

L'inventrice, secondo Ortensio Lando, umanista italiano che nel 1548 scrisse il "Commentario delle più notabili e mostruose cose d'Italia e d'altri luoghi, sarebbe la signora Melibea da Manerbio.

Il casoncello è un prodotto importante sia per Brescia che per Bergamo, infatti la Camera di Commercio di Bergamo ha sottoscritto i casoncèi con il marchio Bergamo Città dei mille Sapori e il Comune di Barbariga ha approvato il disciplinare di produzione dei “casoncelli di Barbariga” attraverso la denominazione comunale.


Come si preparano i casoncelli?

Preparare i casoncelli è una vera e propria arte sia per quanto riguarda il ripieno sia per quanto riguarda la pasta. I casoncelli sono fatti con ingredienti semplici:

Pane unito alla farina di castagna o monococco;
Formaggio come il Silter o il Bagoss, grana oppure formaggi caprini;

Una volta pronti devono essere conditi con burro furo e salvia con abbondante spolverata di parmigiano reggiano. Chiaramente un tempo si usavano ingredienti diversi come fegato o magone.


Quale vino abbinare?

Per un piatto tradizionale come questo i vini consigliati sono vini rossi come il Cellatica DOC oppure il Botticino DOC, vini Camuni o vini rosati.


Fonte immagini ed articolo itineraribrescia.it
19 Gennaio 2017
Archivio
Filtra per
Produttore
Tipologia
Area geografica
ITALIA AMICA MIA

Home
Turismo
Rivista online
Shop online
Eventi
SEGUICI

facebook twitter pinterest instagram google+ newsletter